“Altre venti nude sui social come me: siamo diventate degli sticker”. Le nuove vittime del revenge porn organizzato dalle baby gang

Ancora una denuncia di Marta, 16 anni, che racconta di aver “visto immagini di coetanee passare di telefonino in telefonino”. E i membri delle bande “lo fanno con un solo obiettivo: dimostrare la loro virilità”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

it Italiano
X